Cambiamento e coaching: un’ esperienza personale

Il cambiare, il cambiarsi….mutamento improvviso di situazione, di uno stato di cose..”

Da un punto di vista razionale è un po’ cambia-mente, cambio approccio, cambio di paradigma; capacità di trasformarsi rispetto ad un contesto che muta con l’evolversi del tempo.

Sempre si fanno i conti con la realizzazione concreta. Il cambiamento richiede il tempo di un processo, per passare dalla negazione alla decisione. Come descrive Kubler Ross nella sua teoria ormai molto famosa, ci sono vari stadi da superare per poter creare un nuovo paradigma. Nella curva c’è una fase di negazione ed anche di negoziazione, prima di recuperare speranza ed esplorazione di nuove modalità e si smette di chiedersi se farlo o non farlo, si agisce e si realizza con successo. E spesso tutto questo significa indecisione e disorientamento. Il Coaching accompagna utilmente la persona ad uscire dalla curva del cambiamento recuperando potenziale, motivazione, stimolo ad agire ed orientamento.

Per entrare nel concreto posso tranquillamente parlare di me. In un processo che oggi accompagno in molti dei miei partner e che a mia volta ho vissuto. Ricordo alcuni periodi della vita, con la sensazione di non riuscire ed i pensieri in disordine, che mi offuscavano la mente; mentre non capivo da che parte orientarmi per risolvere; una situazione che potrebbe essere nota per chi mi legge. E poi la decisione di gestire. L’incontro col Coaching. La decisione e la comprensione di come agire, anche se era scomodo. Definizione e sviluppo di obiettivi tesi a risultati importanti per la vita. Ed oggi ecco il cambiamento avvenuto. L’inizio di cose che prima sembravano impossibili. La scuola di Coaching per diventare Coach, i percorsi di Coaching. Una nuova professione, agita in vari contesti. Di aula ed individuale. Il Coaching è stato risolutore ed attivatore di obiettivi concreti che hanno supportato lo sviluppo personale e professionale per me prima e per i miei clienti poi.

Accade che, al posto di chiedersi cos’è che si vuole veramente, ci si focalizzi sul problema e si pensi di non potere, di non sapere come fare, che sia impossibile cambiare. Dinamiche ricorrenti che aiutano solo ad allontanarci dalla strada maestra, quella che porta alla nostra felicità. Eppure è anche normale non sapere come fare. Specialmente se nessuno ci ha dato indicazioni. A volte sembra serva la ‘bacchetta magica’ e pensiamo di non averla. E poi arriva la ‘magia’ si chiama Coaching, unito ad una parola altrettanto magica: responsabilità personale.

Il pensiero cambia, da ‘è impossibile’ a “cosa posso fare per’’, “come smantello il problema trovando forza e soluzione al mio interno?”. E, dall’esterno, il Coach ed il Coaching diventano il sostegno che catalizza la svolta.

Il coaching è una metodologia che favorisce un processo di sviluppo in cui la persona può cominciare attivamente a mettersi al successo del proprio successo e dei propri obiettivi, armonizzando anche relazioni e benessere di vita.

Il coach è un facilitatore, agente di cambiamento che, attraverso le sue competenze, stimola il cliente ad esprimere le sue reali ambizioni e potenzialità; in modo che possa sfruttare in pieno ogni opportunità e accelerarne la crescita. Fare coaching significa focalizzarsi su ciò che già sei, che è ben diverso dal pensare di non potere o di non essere adeguati, o capaci, o in grado di riuscire; significa risvegliare consapevolezza, essenza innata, e potenzialità personale risolutrice.

 

 

————————-

Fabiana Cacioni, Coach ACC. La sua carriera la vede impegnata in una lunga serie di esperienze, formative e professionali, orientate al people service e alla people satisfaction: dalla comunicazione efficace alla comunicazione d’impresa, dal marketing strategico alle tecniche di vendita. Il suo contributo caratteristico è quello di portare la sua integrità ed onestà professionale nel raggiungimento della meta dell’altro, diventando partner del cliente nella sua evoluzione e nella piena realizzazione degli obiettivi, individuando elementi di malessere e di poca funzionalità per trasformarli in azioni di problem solving.