Informativa Privacy

Gentile Cliente,

tutti i Suoi dati personali sono raccolti e trattati nel rispetto delle leggi italiane e dell’UE sulla tutela dei dati. Desideriamo fornirLe alcune importanti informazioni relative all’utilizzo e al trattamento dei Suoi dati e di ogni altra informazione di carattere personale che deciderà di comunicarci nel corso del nostro rapporto. Coaching&Coaching è una società iscritta nel registro delle imprese di Milano – Lodi – Monza e Brianza con numero di registrazione 10034830967 e sede legale in Corso Italia 50 a Milano.

DATI RACCOLTI e FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

Nel caso Lei abbia deciso di usufruire dei servizi di Coaching&Coaching, Le chiediamo di comunicarci alcune informazioni relative alla Sua persona (ad esempio nome, cognome, professione, codice fiscale, dati aziendali, partita Iva, recapiti telefonici, indirizzo email, ecc.) che utilizzeremo esclusivamente per svolgere il nostro lavoro, adempiere ad obblighi di legge, anche di carattere fiscale e contabile, nonché per tenerLa costantemente informato, se lo desidera e se ci da il Suo consenso, su tutte le novità e le opportunità relative al Coaching e alle iniziative di Coaching&Coaching.

Non raccogliamo dati particolari, come definiti dal nuovo Regolamento UE.

I dati che vi richiediamo sono necessari per la fatturazione e per tutte le attività relative ai servizi da noi prestatiVi, senza i quali non potremo dare seguito alla nostra collaborazione.

La conservazione dei dati personali forniti avverrà per tutta la durata dell’incarico e per ulteriori 5 o 10 anni rispettivamente in base alle normativa fiscale e civilistica.

I Suoi dati possono essere inviati a collaboratori in altri paesi europei solo se il servizio che vi offriamo lo prevede e mai fuori dal territorio dell’UE.

Non eseguiremo a Sua insaputa alcun tipo di trattamento o profilazione che potrà, anche solo indirettamente, essere ricollegato alla Sua persona o all’azienda che Lei rappresenta.   

SICUREZZA DEI DATI PERSONALI

Tratteremo i Suoi dati con mezzi automatizzati e non, garantendo sempre la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati raccolti e conservati. Richiediamo a tutte le terze parti con cui collaboriamo di adottare adeguate misure di sicurezza tecniche ed operative per proteggere i dati personali, che siano in linea con la legislazione italiana e dell’UE in materia di norme sulla protezione dei dati. 

CONDIVISIONE DEI DATI PERSONALI

I Suoi dati personali sono trattati dal nostro personale incaricato e possono essere condivisi con Coach, insegnanti e tecnici informatici con cui Coaching&Coaching collabora per la realizzazione dei servizi che Le offre.  I Suoi dati verranno inoltre trasmessi ad una Società terza che in qualità di Responsabile tratterà i dati solamente per adempiere agli obblighi contabili e fiscali.

DIRITTI DELL’INTERESSATO

Di seguito elenchiamo i Suoi diritti come indicati nel Regolamento UE.

DIRITTO DI ACCESSO: consente di ricevere una copia dei dati personali oggetto di trattamento e controllarne la corretta elaborazione.

DIRITTO DI RETTIFICA: consente al cliente di correggere qualsiasi informazione errata o incompleta.

DIRITTO ALL’OBLIO: consente di richiedere la cancellazione delle proprie informazioni personali.

DIRITTO DI LIMITAZIONE: consente di richiedere la sospensione del trattamento dei propri dati personali, ad esempio se si desidera verificarne l’accuratezza o le ragioni del trattamento.

DIRITTO ALLA PORTABILITA’: consente di richiedere il trasferimento delle proprie informazioni personali al cliente o a un’altra parte in un formato utilizzabile elettronicamente.

DIRITTO ALLA REVOCA DEL CONSENSO: nelle limitate circostanze in cui si potrebbe aver fornito il consenso alla raccolta, al trattamento e al trasferimento delle proprie informazioni personali per uno scopo specifico, si ha il diritto di revocarlo per tale trattamento specifico in qualsiasi momento.

Non si dovrà sostenere alcun costo per accedere alle proprie informazioni personali o per esercitare uno degli altri diritti. Per farlo potrete contattarci al seguente indirizzo email contatti@coachingandcoaching.it

MODIFICHE ALL’INFORMATIVA SULLA PRIVACY

La nostra Informativa sulla privacy può cambiare periodicamente. Qualsiasi modifica sarà comunicata al cliente tramite un’email o un avviso sul nostro sito web.

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2018

Il capo ufficio ideale? Metà Papa e metà Favino (ma non come Trump)

Il boss che tutti vogliono: un motivatore che sa ascoltare e dialogare. E bello come Di Caprio…

Tutti lo vorrebbero diverso e raramente ne siamo contenti, anche perché è quasi impossibile che accontenti tutti: stiamo parlando del capo, di colui o colei che sul lavoro è nostro superiore ed è spesso il maggiore responsabile del nostro benessere lavorativo.

Secondo uno studio riportato da Fortune, la metà dei lavoratori americani ha lasciato il proprio posto a causa di dissapori con il capo.

Donne e uomini ad esempio difficilmente si troveranno d’accordo sul giudizio, perché nel capo cercano qualità diverse. Lo svela uno studio promosso da Espresso Communication secondo il quale le qualità che le italiane apprezzano in un superiore sono la comprensione verso i collaboratori (45%), la propensione al dialogo e l’ascolto delle problematiche (41%) e la capacità di trasmettere serenità e distendere le frizioni (38%). Se passiamo agli uomini cambia la storia. Il boss dei desideri deve avere prima di tutto carisma (43%) e autorevolezza (39%), ma anche la capacità di motivare i propri dipendenti (33%).

Evidentemente il luogo di lavoro è un mondo diverso per uomini e donne, ma tra la seduta di autocoscienza e l’arena di gladiatori forse il giusto mezzo si può trovare. «La ricetta del successo di un grande leader è fatta da quattro capacità: organizzare il buon funzionamento dell’azienda attraverso azioni eccellenti; innovare e anticipare il mercato valutando le decisioni che portano l’azienda verso il futuro; pianificare una politica lungimirante delle risorse umane e gestire le proprie reazioni emotive spiega la master coach Marina Osnaghi, che ha spesso affiancato manager e imprenditori nel raggiungimento dei propri obiettivi . Il leader perfetto è chi sa coniugare le varie imperfezioni legate agli aspetti aziendali e trasformarle in un insieme vincente».

Per un capo perfetto che non esiste, ce ne sono tanti pessimi, ma anche qui uomini e donne sono sensibili a difetti diversi. Che ci danno uno sguardo sulle dinamiche di tanti uffici di casa nostra. Le donne infatti non sopportano i capi che non ammettono i propri errori (27%), addossando le responsabilità di un fallimento ai sottoposti e che si arrogano i meriti di un successo (22%), mentre gli uomini soffrono un capo che insulta o umilia chi fa un errore davanti a tutti (24%) o che tende ad essere troppo soffocante (17%).

Il capo peggiore però secondo gli scienziati dell’Università di Exeter è il cosiddetto «Dr. Jekyll e Mr. Hyde», ovvero una personalità instabile che cambia più volte al giorno. Meglio un capo detestabile da cui si sa cosa aspettarsi. Visti i desideri così diversi, sono ben distanti i personaggi pubblici scelti dal campione come incarnazione del capo ideale. Le donne mettono al primo posto un ecumenico Pierfrancesco Favino, seguito da Meryl Streep (che ha piazzato un ennesimo ruolo positivo come editrice del Washington Post nell’ultimo film di Spielberg), Leonardo di Caprio, Papa Francesco e l’ex first lady Michelle Obama. Tutt’altro Olimpo per gli uomini: al primo posto svettano Mark Zuckerberg, CEO e fondatore di Facebook ed Elon Musk, CEO di Tesla. Guru della tecnologia seguiti da un’improbabile tripletta: Sergio Marchionne, Roger Federer e lo chef Alessandro Borghese.

Alla fine uomini e donne si uniscono su un solo punto: il boss che nessuno vorrebbe è, all’unanimità, Donald Trump. Aborrito dal 55% delle donne e dal 46% degli uomini. Emergono dallo studio desideri molto umani, un po’ vecchio stampo. Aspettando un futuro prossimo in cui il nostro capo potrebbe essere un robot programmato per soddisfare le nostre più recondite esigenze. Intanto in California le aziende hi-tech progettano luoghi di lavoro con campi da volley e aree per il pisolino postprandiale, parchi e cascatelle. Perché lavorare serenamente aumenta creatività e produttività. Ma questa, in fondo, è un’altra storia.